Bhuman. Coltivare Cura e Cultura raccogliendo riso. Costruire relazioni conviene.

30 Agosto 2022

Un evento nelle risaie biologiche da dove proviene il riso Good Land per parlare di equilibrio.

News

Ci sono almeno tre motivi per venire a Rovasenda il 10 settembre:   -incontrare un bel gruppo di risicoltrici e risicoltori costituiti in un nuovissimo Biodistretto nel vercellese, ad una ora da Milano, per rigenerare il proprio territorio con nuova vita e bellezza;   – incontrare il più famoso funambolo italiano che camminerà su un campo di riso biologico nei cui canali nuotano carpe e anfibi e avvicinerà la sua scienza sull’Equilibrio a quella dei nostri contadini;   – avere uno scambio con tante persone, associazioni, culture diverse che qui trovano punti concreti di incontro e azione per aprire un legame stretto, utile e conveniente con la terra che genera cibo vivo.   Protagonisti campi sempre coperti d’erba, quando lontani dalla semina, perché lasciare la terra scoperta significa ucciderne i tanti organismi che la fanno viva, pascoli di pecore sopra i futuri campi di riso, rane e raganelle di tutti i tipi che convivono con le carpe e diversi uccelli che si nutrono di insetti. Ed il grande tema del risparmio idrico, ovvero come ridurre il consumo di acqua a fronte di condizioni climatiche che ci obbligano una forte revisione dei sistemi produttivi attuali.   Protagonista Andrea Loreni e la sua arte dell’equilibrio, che è equilibrio fra ed equilibrio con. Fra terre e acque in cui la produzione di riso si realizza senza sacrificare animali e piante conviventi e commensali negli stessi campi, con agricoltori che condividono un percorso appassionante di rigenerazione del proprio territorio attraverso una differente agricoltura, di cura e vicinanza che porta diversità agricola e naturale e rinnovata bellezza dei paesaggi. Ma protagonisti anche coloro che parteciperanno:non solo ci accompagnano la Fondazione Michelangelo Pistoletto e l’Unione Buddisti Italiani ma tutti coloro i quali vorranno e potranno entrare in questo mondo che è cura e cultura prima di cibo e costruire relazioni dirette con questi produttori e territori.   Sarà molto interessante scoprire dalle donne che interverranno insieme al funambolo Andrea Loreni, quanto sia oggi necessario mischiare le carte, non fermarsi alle separazioni e corporazioni di settore, di comparti, di mestieri, di stereotipi. L’economia è subito ecologia, come agricoltura e ambiente sono la stessa la cosa. E il cibo è il metabolismo che unisce l’uomo alla terra, la campagna e la città, la biodiversità e la diversità culturale, come dice Vandana Shiva   Barbara Nappini presidente di Slow Food aprirà – come importante è aprire! – tutte le porte, affinché nessuno si senta estraneo, perché anche questo è il luogo della nuova agricoltura che è cura e vicinanza che lega tutti e tutto. E quindi va ampliato il campo della consapevolezza e della desiderabilità di questo mondo che costruisce legami insieme al cibo. È il mondo dell’agricoltura di piccola e media dimensione, non intensiva, che vive la terra e non solo la coltiva, dove la produzione coincide con generazione di diversità biologica, di nuova vita vegetale e animale in forte connessione. E’ il mondo di chi si unisce per costruire nuovi percorsi, abbattere steccati, tessere nuovi legami.   Testi: Lucio Cavazzoni