Nasce il distretto biologico dell’Appennino bolognese.

03 Settembre 2020

È con piacere che segnaliamo la nomina di Lucio Cavazzoni a presidente del Comitato Promotore del Distretto biologico dell’Appennino bolognese, iniziativa molto importante per il rilancio dell’agricoltura di montagna a cui aderiscono 119 realtà tra agricoltori, artigiani, trasformatori, commercianti, associazioni imprenditoriali agricole ed extragricole, Parchi regionali ed Enti Locali.

News

E’ con piacere che segnaliamo la nomina di Lucio Cavazzoni a presidente del Comitato Promotore del Distretto biologico dell’Appennino bolognese. Iniziativa molto importante a cui aderiscono 119 realtà tra agricoltori, artigiani, trasformatori, commercianti, associazioni imprenditoriali agricole ed extragricole, Parchi regionali ed Enti Locali, che sottolinea la vocazione per le produzioni biologiche e il rilancio dell’agricoltura della montagna.   L’agricoltura di montagna, ha ricordato Tiberio Rabboni, presidente del Gal, può tornare a produrre reddito, come dimostrano tante esperienze positive, solo se scommette sulla sua biodiversità, sul biologico, sul naturale, sul “cibo della salute”, sul legame con il turismo e sui canali commerciali capaci di valorizzare economicamente la distintività, la qualità, la filiera corta e l’origine locale delle produzioni. Per fare tutto questo occorrono collaborazioni, reti di impresa, progetti locali di filiera condivisi, conoscenza ed innovazione.   Foto di Paolo Panzera